Ricciardi (OMS): “Ripartenza calcio a maggio? Troppo rischio. Si potrebbe giocare al Centro-Sud”

Walter Ricciardi dell’OMS sulla ripresa del campionato

Il membro del consiglio esecutivo OMS (Organizzazione mondiale Sanità), Walter Ricciardi nonché consigliere del Ministro dello Sport Speranza per il Coronavirus e consulente Coni, è intervenuto microfoni di Radio Punto Nuovo, dove ha parlato della ripresa del campionato. Ecco le sue parole.

“Ripresa? Maggio è ancora un mese a rischio, specialmente in alcune regioni, sarà ancora un mese interlocutorio. Ciò che suggeriremo è di avere provvedimenti diversi a seconda delle aree geografiche. La situazione sta andando molto meglio in molte regioni italiane, ma non in tutte. In Lombardia c’è ancora uno scenario preoccupante, non si può dare un’indicazione generica per tutti. A inizio maggio potremo dare dei suggerimenti guardando la situazione. Questo virus continuerà a circolare fino a quando non si troverà un vaccino e così come colpisce i cittadini, anche i calciatori e lo staff: bisogna tutelare tutti”.

Sistema chiuso? Sulla fattibilità dei sistemi di controllo, è da verificare, ma le proposte sono credibili e sostenibili. C’e’ un discorso geografico: l’Italia non e’ tutta uguale a livello di contagi. Al Centro-Sud non c’è stata quell’esplosione terribile del Nord. Ma la gente comunica, la gente viaggia, ma in alcune parti del Paese questo non si può ancora fare, ci sono paesi dove ci sono ancora 100 e più morti al giorno. Differenziare le aree per livello di rischio è giusto, stiamo proponendo di giocare al Centro-Sud, non ha senso vietare attività dove ci sono 0 casi come la Basilicata“.