Rubrica Inter Club – Conosciamo meglio l’Inter Club Belli de’ Roma

CONDIVIDI Facebook Twitter WhatsApp Telegram E-Mail  AIUTACI A CRESCERE DONA ORA

Terzo appuntamento con la nostra rubrica dedicata agli Inter Club. In questo appuntamento conosceremo meglio l’Inter Club Belli de’ Roma

Terzo appuntamento con la nostra rubrica ‘Inter Club’. Nei vari appuntamenti conosceremo più da vicino i diversi Inter Club sparsi per l’Italia. Protagonisti dell’appuntamento odierno è l’Inter Club Belli de’ Roma (sito internet). A rispondere alle nostre domande è Alberto Ambrosino, Vice Presidente e Resp. della Comunicazione del club della Capitale.

<

Come è nata l’idea di aprire il club e la storia del club 

L’Inter Club Belli de’ Roma nasce la sera del 20 luglio 2010 sull’onda del Triplete. Triplete come tre sono ancora oggi gli obiettivi del Club, seguire sempre la nostra amata Inter, dare il massimo supporto ad ogni tifoso interista che venga nella capitale ed infine come insegna la storia di questa squadra un pensiero fisso rivolto alla beneficenza verso i bambini meno fortunati. Non è stato difficile fin dal primo giorno dedicarsi a questi obiettivi perché dal primo giorno che è stato fondato il Club, il Direttivo, a cominciare dal Presidente Fedele Maurano, è sempre stato composto da persone di grandissima generosità d’animo e di una fede incrollabile per la nostra Inter. Squadra pazza che noi seguiamo e seguiremo sempre a prescindere dai risultati, dagli allenatori, dai capitani o dai proprietari che negli anni cambieranno, ma che non cambieranno mai il nostro amore per i colori del cielo e della notte.

fonte foto https://bellideroma.wordpress.com/about/

-Rispetto alle altre partite c’è un’attesa diversa quando l’Inter gioca contro Lazio o Roma?

Ci fanno spesso questa domanda e la maggior parte di noi tifosi interisti romani non possiamo negare che quelle contro Lazio e ancor di più Roma sono partite speciali. Negli anni 70 e 80 con la grande Inter erano per lo più allenamenti, ma dagli anni 90 in poi le partite con le squadre della capitale sono state vere e proprie battaglie. Le squadre di Capello, Ranieri e Spalletti in particolare, ci hanno dato parecchio filo da torcere e solo grandissimi exploit della nostra beneamata ci hanno permesso di girare sempre a testa alta con i nostri colori in “territorio nemico”. Perché, inutile negarlo, ogni sconfitta contro Roma e Lazio prevedeva un lunedì di forche caudine negli uffici e nei posti di lavoro pieni di romanisti e laziali ad aspettarti per la più classica delle diatribe del calcio, ossia su chi sia il più forte.

È inutile dire che negli anni i nostri avversari della Capitale hanno avuto ben poche occasioni di prenderci in giro e anzi sono state più le volte che la nostra superiorità di risultati e di trofei ci ha permesso di snobbarli che quelle in cui loro si sono potuti scatenare nei nostri confronti.

-Nell’amichevole contro il Lugano in attacco erano a disposizione solo Esposito e Longo. Può essere un problema non avere i giocatori a disposizione in attacco in vista dell’inizio di stagione?

Intanto Lautaro sta finendo le meritate vacanze dopo aver fatto una Coppa America da protagonista assoluto, con un gol di tacco che se lo avesse fatto un attaccante della Juve a caso, oggi ci sarebbero gli speciali su Sky. Poi è evidente che la Società nella nuova inedita veste di “non regaliamo un centesimo a nessuno” sta lavorando per formulare la migliore offerta possibile su Lukaku e Dzeko. No non siamo preoccupati anzi siamo sicuri che la rosa entro il 2 settembre verrà completata a piacimento del nostro allenatore. E poi noi interisti sappiamo che un giocatore che arriva con le giuste motivazioni può scendere dall’aereo appena acquistato dalla Società, prendere un taxi arrivare a San Siro e battere in scioltezza il Milan nel derby, come fece Wesley Sneijder nel 2009

-La difesa dello scorso campionato è stato forse il reparto punta di forza dell’Inter, cosa aggiunge Godin con il suo arrivo?

Fondamentalmente l’esperienza di aver giocato partite importantissime come le 5 finali di Europa League e SuperCoppa Europea tutte vinte con l’Atletico e soprattutto la possibilità di mettere nel nostro arco altre frecce tattiche come la difesa a tre, che permette di generare più forza davanti soprattutto in quelle partite, tante, di campionato in cui troviamo autobus davanti la porta dei nostri avversari. E poi inutile dire che essendo uruguagio il bravo Godin non può che aggiungere Garra Charrua alla squadra!

-C’è un po’di delusione per il mercato condotto fino a qui?

No, delusione ovviamente è ancora presto per dirlo, diciamo che siamo alla finestra in attesa di chi manca. Gli acquisti sono stati tutti mirati su evidenti indicazioni del Mister e li riteniamo assolutamente adeguati a quelli che saranno gli obiettivi di quest’anno, che non sono chiaramente quelli di fare un nuovo Triplete ma di avvicinarci al primo posto il più possibile e di giocare le coppe in modo più che dignitoso. Evidentemente manca ancora qualcosa di “potente” in attacco e i nomi di Lukaku e Dzeko sono assolutamente congrui sempre ai suddetti obiettivi. La ciliegina sarebbe un centrocampista/regista alla Modric o alla Pjanic, ma il mercato sotto questo punto di vista è molto avaro dicampioni e se qualcosa è papabile ha costi davvero proibitivi, vedi Sergej Milinkovic Savic. Noi però siamo ultrasicuri che Barella e Sensi faranno un campionato da Inter, il primo per tenacia e concretezza sia nel creare che nel realizzare, il secondo per utilità e spirito di adattamento. Sensi è un giocatore che gioca in velocità, ragiona in velocità tocca la palla in velocità, mentre Barella ha già fatto vedere i suoi numeri anche in nazionale, con Sensi però mi sbilancio dicendo che quest’anno sarà una grandissima e piacevolissima sorpresa per i tifosi nerazzurri.

Un grazie all’Inter Club Belli de’ Roma, al suo presidente Fedele Maurano, al vicepresidente e responsabile della comunicazione Alberto Ambrosino e a tutti i soci per il tempo dedicatoci

SEGUICI SU: Facebook Twitter

7 Replies to “Rubrica Inter Club – Conosciamo meglio l’Inter Club Belli de’ Roma”

  1. Grande Alberto, hai sintetizzato perfettamente lo spirito, la generosità e l’amore per la nostra amatissima Inter di noi “Belli de Roma”.

  2. Complimenti Alberto, non potevi esprimere meglio i valori che caratterizzano i BELLI DI ROMA. Che poi, insieme ad integrità morale e lealtà sportiva sono anche quelli che rendono unica la nostra INTER

  3. Noi…trasferiti da Milano…abbiamo trovato una grande famiglia!!! Grazie Belli de Roma. Grazie Fedele. Grazie Liliana…

  4. Grandi Belli de Roma …personalmente e col mio interclub Peppino Prisco di Montalto Uffugo (CS) rendo omaggio a questa bella realtà gemellata col mio sodalizio e piena di amici.

    1. Ciao Giovanni se vuoi far conoscere il tuo Inter Club facci contattare tramite mail (fratellidelmondo1908@libero.it) #amala

  5. I’m an American living in Rome and Belli de Roma has become my extended family. My warmest thanks goes out to Fedele, Alberto and all of the members that work so hard on the club’s activities while maintaining a personal relationship with each member. Proud to be part of this group and live Inter together with this family.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *